Forlì, 27 maggio 2018 – Nel palazzo ‘Montefeltro’ di via Maurizio Bufalini 34 il tetto è in amianto ed è stato pure danneggiato. Lo ha segnalato un gruppo di giovani, che ha costituito l’‘Ufficio speciale antiamianto Forum Livii’, di cui Jacopo Conficconi è il referente territoriale e portavoce. Si tratta, in sostanza, di cacciatori di amianto (altri casi possono essere segnalati all’indirizzo [email protected]).

Il palazzo di via Bufalini sorge in un’area potenzialmente ad alto rischio per la salute dei cittadini: tra i musei San Domenico e la scuola elementare Diego Fabbri. Ciò che sta a cuore al gruppo è soprattutto la salute degli alunni. «Il tetto in eternit del palazzo è stato danneggiato – sostiene Conficconi –: le fibre di amianto potrebbero essere cadute anche nel cortile della scuola». Anche perché il 10 agosto 2017 una bufera di pioggia e vento ha danneggiato diversi edifici.

L’amministratore del condominio, sollecitato dal Comune, ha ammesso la presenza di eternit e ha fissato a giugno i lavori per lo smantellamento. «Chiederemo alla procura di vagliare la presenza di reati perseguibili d’ufficio che diano avvio a un’azione legale, verificando in tal modo di attivare un’azione penale per verificare l’eventuale responsabilità sia del sindaco Drei sia dell’amministratore condominiale». Un primo esposto era stato archiviato, ora ci riprovano alla luce dei nuovi fatti emersi.

«E ci sono già altri edifici contaminati. E sono situati in luoghi pubblici dove per legge l’amianto dev’essere stato smaltito già dal 1992: siamo nel 2018».

Fonte: Articolo de “Il Resto del Carlino”